Antica Panetteria Tresoldi

​

Giuseppe Mazza è il... Felipo.

​

Ed il Felipo è il popolano bergamasco.

​

É il popolano bergamasco che le avversità di ogni giorno hanno corazzato di una sana, bonaria, sorridente filosofia: la filosofia dell'uomo di buon senso: la filosofia del piccolo borghese, che non è as­sillato dal desiderio di raggiungere irraggiungibili ideali, che non aspira alle ricchezze ed al fasto, ma si accontenta di quello che è,  di quello che possiede.

La Musa del Felipo non è paludata di porpora e di ermellino. 

​

É  una Musa  vestita alla buona,  che

sosta  nei  crocicchi  delle   viuzze   fuori  mano, per ascoltare le piccole beghe delle donnette del popolo : che sale al piano più alto di una casa della periferia, e si affaccia all'uscio della camera in ombra, dove ad un poveraccio, che non ha mai viaggiato, si sta preparando l'estremo viaggio : che si indugia nel va­ sto cortile, per godersi le confidenze che si sussur­rano le comari, mentre distendono la biancheria di colore: che se la gode un mondo, assistendo, pi­giata fra il pubblico, al processetto di pretura.

​

La  Musa del Felipo non porta diademi di gioielli veri o falsi.

​

É una Musa che porta ancora, in capo, il fazzolettone all'antica, dalle frangie un poco stinte. Ride: ma si commuove, anche: 

e conosce, anche, l'amarezza del pianto.

​

Perchè la Musa del Felipo piange, a volte: ma, il suo, non è mai pianto dirotto : sono piccole stille

che velano le ciglia, e scendono silenziose sulle guancie, e si perdono fra le labbra : si perdono fra le labbra, che sembrano conservare ancora la dolcezza del sorriso.

​

La Musa del Felipo piange, a volte: ma non mai per sè : soltanto per gli altri : per gli altri soltanto :

almeno così essa crede : perchè non comprende che i dolori e le miserie degli altri sono un poco le sue miserie ed i suoi dolori …

​

Serreno Locatelli Milesi

Bergamo 1936

​

Per i Tùregn e 'nsìm al San Véle, 

Quando s' varda e che s' vèd töt ol pià, 

A l' par quase ü gran mar sensa véle

Che l' se pèrd de lontà de lontà

​

Col dio don di campane, l'arièta

Che rinfresca e la slarga i polmù, 

Che la schersa in di fòe e l'erbèta, 

A la canta l'eterna cansù

​

Ritornello due voci

​

Canta San Véle, canta:

Söi pràcc, söi tò sentér,

 La gioia l'è piö tanta, 

'L dulùr l'è piö ligér.

​

Ché, söl Sant Véle, o Nina, 

Piö frèsch l'è 'l tò bochì, 

Te sènte piö visina,

Piö dols i è i tò basì.

​

Ala sira i lümì, zò in pianura

I par stèle in d'ü mar sensa fi,

E sö in ciél, in de nòcc töta scüra, 

Töte i stèle i par tace lümì.

​

'N mèss ai stèle te sé öna belèssa, 

O San Véle, te sé ü paradìs,

Te consùlet comè öna carèssa, 

Come mama che basa söl vis.

​

Ritornello due voci

​

Canta San Véle, canta:

Söi pràcc, söi tò sentér, 

La gioia l'è piö tanta, 

'L dulùr l'è piö ligér.

​

Ché, söl Sant Véle, o Nina, 

Piö frèsch l'è 'l tò bochì, 

Te sènte piö visina,

Piö dòls i è i tò basì

​

​

|  Poesie Del Felìpo | Giuseppe Mazza | San Vèle

Questo sito web fa uso di cookies. Si prega di consultare la nostra informativa sulla privacy per i dettagli.

OK